CGIL TORINO - Via Pedrotti 5, 10152 Torino
Tel. 011 24.42.1 - Fax 011 24.42.210 - E-mail torino@cgiltorino.it - PEC cgiltorino@pec.it

27 aprile 2018

BASTA MORTI SUL LAVORO

COMUNICATO STAMPA

BASTA MORTI SUL LAVORO, BISOGNA INVESTIRE IN SALUTE E SICUREZZA. E SI CONTINUA A MORIRE DI AMIANTO.

Nel 2017 vi sono stati 1029 infortuni mortali sul lavoro (83 in Piemonte), nel  primo trimestre del 2018 si registra un aumento delle morti sul lavoro del più  1,5% e sempre nel 2017 si sono registrate 2000 denunce relative a malattie  professionali (863 in Piemonte).

Ancora questa mattina, alle 8,30, alla RG Polietilene di Salassa, un altro  lavoratore è morto schiacciato da un carico di polietilene: una strage continua.

E si continua a morire di amianto.

Ogni anno in Italia si registrano mediamente oltre 3.000 morti per aver  respirato fibre di amianto (tumori polmonari, mesoteliomi...): in Piemonte circa 250 nuovi casi l'anno.

L'Italia è, fra l'altro, uno dei Paesi più esposti: è stato fino alla fine degli anni  '80 il secondo maggior produttore europeo di amianto dopo l'ex Unione  Sovietica, nonché uno dei maggiori utilizzatori.

Dalla messa al bando dell'amianto il bilancio è pesantissimo.

Si attende che il picco, visti i tempi di incubazione, si manifesti dopo il 2020:  questo mentre gli investimenti e gli interventi di bonifica continuano ad  andare a rilento.

La situazione richiede a noi ed all'intero movimento sindacale di mettere in  campo una forte ed incisiva mobilitazione affinché si mettano in atto tutte le  iniziative atte a salvaguardare la sicurezza e la salute dei lavoratori; si  investano tutte le risorse necessarie per le bonifiche e non solo dei luoghi di  lavoro, in quanto la fibra killer è presente in manufatti ed edifici pubblici e  privati; si investa e si operi sulla prevenzione anche potenziando le strutture  preposte allo scopo.

Le sentenze Eternit e quella di appello per le morti da amianto alla Olivetti di  Ivrea, ci dicono che ancora non si è fatta giustizia.

L'assenza della politica sui temi del lavoro e sulle sue condizioni, la scarsa  attenzione dei media su temi di questa rilevanza, determinano una condizione  di isolamento di chi si batte per restituire valore e dignità al lavoro e per  stabilire condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per noi questa battaglia è prioritaria.

Insieme al sostegno alle famiglie che affrontano i processi, la Cgil sarà in  campo con iniziative di denuncia e di mobilitazione, di formazione alla cultura della prevenzione in tutti i luoghi di lavoro e tra i cittadini.

Torino, 20 aprile 2018

UFFICIO STAMPA

materiali sulla manovra economica


sos sindacato


sito RLS Torino


www.abcdeidiritti.it


guida ai servizi cgil torino 2018

raccolta immagini cgil torino