CGIL TORINO - Via Pedrotti 5, 10152 Torino
Tel. 011 24.42.1 - Fax 011 24.42.210 - E-mail torino@cgiltorino.it - PEC cgiltorino@pec.it

26 aprile 2019

5 maggio 2019 - FESTA DELLE FAMIGLIE

5 maggio 2019 - FESTA DELLE FAMIGLIE

In questi mesi, e ancora nelle ultime settimane, si sono intensificati gli attacchi ai diritti civili che tutte e tutti insieme abbiamo conquistato nel passato.

Si susseguono infatti presentazioni di disegni di legge alla Commissione Giustizia del Senato, peraltro tutti calendarizzati in discussione in fase redigente. Questo significa che sarà la Commissione stessa a vagliare e deliberare sui singoli articoli mentre all’assemblea parlamentare verrà sottoposto l’intero testo per la votazione finale complessiva. Cioè anche su queste materie il Governo sceglie di eludere il confronto democratico parlamentare e determinare le decisioni dentro lo schema di scambio del contratto tra le due forze di Governo.

Come sappiamo questo attacco è partito ad agosto scorso con la presentazione del DDL 735, primo firmatario Pillon (Lega). La Camera del Lavoro, insieme ad altre soggettività cittadine, ha costituito il comitato cittadino No Pillon per chiederne il ritiro e, dopo alcune assemblee pubbliche, mobilitazioni di piazza e audizioni in Consiglio comunale, la Città di Torino per prima in Italia ha votato un ordine del giorno per il ritiro della proposta di legge.

I lavori della Commissione Giustizia però stanno andando avanti: il 7 maggio la discussione proseguirà in commissione parlamentare in fase redigente. Questo DDL è un attacco frontale al Diritto di Famiglia soprattutto perché non tutela i bambini e la parte più debole della coppia in una fase delicata come quella della separazione.

Nelle ultime settimane sono stati presentati altre due pericolose proposte di legge:
- il DDL 950 presentato dal senatore Maurizio Gasparri (Forza Italia) che equipara il concepito ad un bambino già nato, modificando l’articolo 1 del Codice Civile che prevede che la capacità giuridica si acquista al momento della nascita. Cambiare questo articolo ha ovviamente tantissime ricadute sulla vita quotidiana delle persone -con tutti i presumibili effetti in particolare sulla legge 194/78 e
sull'interruzione volontaria di gravidanza;
- Stefani (Lega) ha depositato una proposta affinché sia riconosciuta la soggettività giuridica al feto già a partire dal momento del concepimento con la possibilità di dottare il bambino prima della sua nascita in ottica di “prevenzione” dell’aborto, come da dichiarazioni del proponente. Per questo motivo viene proposto di costituire degli elenchi di famiglie, ovviamente eteronormate, disponibili ad adottare entro un raggio di 500 km dal luogo di nascita. La madre biologica avrà 7 giorni dal parto per eventualmente evocare la sua decisione senno il bambino sarà adottato con rito abbreviato predisposto ad hoc dal Tribunale dei minori.

Alcune settimane fa abbiamo poi assistito ad una discussione stucchevole che è avvenuta negli stessi giorni sulla legittima difesa e sul “revenge porn” (condivisione pubblica di materiale con immagini intime senza il consenso della persona interessata). Stucchevole perché la norma sulla legittima difesa è stata votata subito mentre quella sul revenge porn è stata rimandata e poi inserita nel Codice Rosso sulla violenza contro le donne -stralciando, almeno al momento, l’inserimento della castrazione chimica per i reati sessuali tanto voluta dalla Lega.

A Torino anche quest’anno il Coordinamento Torino Pride insieme a Famiglie Arcobaleno organizza la Festa delle Famiglie 2019 – famiglie senza frontiere che si terrà il 5 maggio dalle 11.00 alle 17.00 in Piazza Carlo Alberto.

Per gli organizzatori “Questa è la festa di TUTTE le Famiglie, o almeno noi desideriamo che sia così.

Quelle omogenitoriali, eterosessuali, separate, ricostituite, bianche, nere, gialle, miste, single e tringle.

Un pranzo al quale oltre a tutti e tutte noi, si possa invitare i nostri amici, i compagni di classe dei nostri figli, i nostri vicini di casa, i colleghi, con lo spirito di “aggiungi un posto a tavola”.

Per semplicità organizzativa di propone che ognuno si porti tavolino e sedie da campeggio oltre naturalmente le cibarie, anche se dovremmo già avere dei tavoli e delle sedie disponibili”.

Vi invitiamo a partecipare e a diffondere l’iniziativa!

La Camera del Lavoro insieme alla CGIL nazionale continuerà a presidiare non solo le diverse discussioni, ma tutte le iniziative che saranno costruite insieme alle associazioni, alla società civile, alle altre Organizzazioni sindacali per rivendicare un’idea di famiglia e società inclusiva e contrastare la deriva sessista, patriarcale, razzista e fascista di questo governo!

Scarica la locandina

sos sindacato


sito RLS Torino

FORMAZIONE SINDACALE
"Le parole dell'innovazione"
Video del corso di formazione per dirigenti sindacali


www.abcdeidiritti.it




raccolta immagini cgil torino